IMMIGRAZIONE E CITTADINANZA ALLA CAMERA/ RIFORMA COSTITUZIONALE IN SENATO: PRESENTATI 513.450 EMENDAMENTI

ROMA\ aise\ – Riprendono i lavori delle Commissioni parlamentari. Alla Camera, laCommissione Affari Costituzionali esaminerà, in sede referente, sia il progetto di legge sulla Istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sulla gestione del sistema di accoglienza e di identificazione ed espulsione nonché sui costi del fenomeno immigratorio (Doc. XXII n. 38 Fedriga – Rel. Invernizzi, LNA), che la proposta di legge “Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, in materia di cittadinanza”.
Tanti i ddl di ratifica all’esame della Commissione Affari Esteri che, inoltre, domani insieme ai colleghi del Senato incontrerà il Presidente del Bundestag, Norbert Lammert. Giovedì 17, invece, le Commissioni esteri e Difesa di entrambi i rami del parlamento si riuniranno per le Comunicazioni del Presidente sugli esiti della Conferenza interparlamentare sulla politica estera e sulla politica di sicurezza e difesa comune, svolta a Lussemburgo il 5 e 6 settembre scorsi.
I decreti in materia fiscale (revisione della disciplina dell’organizzazione delle Agenzie fiscali; stima e monitoraggio dell’evasione fiscale e in materia di monitoraggio e riordino delle disposizioni in materia di erosione fiscale; semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione) impegneranno anche questa settimana la Commissione Finanze, mentre la Commissione Cultura esaminerà sia le proposte di nomina a componenti del consiglio direttivo dell’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (ANVUR) che quella di Filippo Nicola Sugar a Presidente del Consiglio di Gestione della SIAE.
Nel corso di questa settimana, la Commissione Affari Sociali proseguirà l’esame, in sede referente, del testo unificato sulle Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario; in quest’ambito, verrà svolta l’audizione del professor Guido Alpa, presidente della Commissione consultiva per le problematiche in materia di medicina difensiva e di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie, istituita presso il Ministero della salute.
La Commissione svolgerà poi l’audizione informale di rappresentanti di Coldiretti Lombardia, della Federazione italiana esercenti specialisti dell’alimentazione (FIESA/Confesercenti), della Federazione italiana pubblici esercizi (FIPE) e di Slow Food Italia, nell’ambito dell’esame delle proposte di legge sulla limitazione degli sprechi, l’uso consapevole delle risorse e la sostenibilità ambientale.
In Senato, la Commissione Affari Costituzionali si prepara all’esame dei 513.450 emendamenti presentati al ddl di riforma costituzionale (revisione della Parte II della Costituzione). In agenda anche l’esame delle modifiche all’articolo 9 della legge 6 luglio 2012, n. 96 (Commissione di garanzia degli statuti e per la trasparenza e il controllo dei rendiconti dei partiti politici).
Oltre all’incontro con il presidente del Bundstag tedesco, in programma domani, la Commissione Affari esteri si riunirà mercoledì per l’esame dei ddl di ratifica di diversi accordi internazionali. Domani, invece, arrivano in Aula le disposizioni sulla partecipazione dell’Italia alle missioni internazionali.
In Ufficio di Presidenza della Commissione Industria, riprendono le audizioni informali connesse all’esame del disegno di legge in materia di aree industriali dismesse: martedì 15, saranno ascoltati i rappresentanti dell’ANCI, mentre giovedì 17 quelli della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.
La Commissione Ambiente, nell’ambito dell’affare assegnato sul progetto Ue “Verso un’economia circolare: Programma per un’Europa a zero rifiuti”, giovedì mattina ascolterà Presidente e del Vice Presidente della Commissione Ambiente, Sanità pubblica e Sicurezza alimentare al Parlamento europeo, Giovanni La Via e Gilles Pargneaux. I senatori, inoltre, proseguiranno la discussione del ddl in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali, già approvato dalla Camera. (aise)