9 MAGGIO: PORTE APERTE ALL’AMBASCIATA A WASHINGTON

9 MAGGIO: PORTE APERTE ALL’AMBASCIATA A WASHINGTON

 

WASHINGTON\ aise\ – Sabato prossimo, 9 maggio, l’Ambasciata d’Italia a Washington aprirà le sue porte in occasione di EU Open House, la manifestazione che celebra la giornata dell’Europa grazie ad eventi organizzati da tutte le ambasciate UE.
“Uno stile di vita sano, l’Italian lifestyle: il tema di quest’anno è ispirato a Expo Milano”, spiega l’Ambasciatore Claudio Bisogniero. “Alle migliaia di visitatori che tradizionalmente visitano l’Ambasciata durante la giornata “Porte Aperte” offriremo un programma ricco, di qualità e anche divertente. Grazie anche ai tanti partner economici e culturali italiani coinvolti, la giornata sarà al tempo stesso una festa e un’importante vetrina per l’Italia in America”.
Alimentazione, sostenibilità, solidarietà e sport racconteranno un’Italia in movimento, un Paese pieno di energie.
I visitatori potranno fare un giro d’Italia virtuale. E conoscere anche il Giro d’Italia vero e proprio, con le immagini della corsa ciclistica che partirà lo stesso giorno da Sanremo. Ancora sport, dalla compagnia di danza acrobatica “Kataklò”, fondata da una ginnasta olimpionica, alla campionessa mondiale di karate Sara Cardin, atleta del Gruppo Sportivo Esercito italiano. Il cibo sarà protagonista, non solo in tavola, ma anche nelle mostre: da “Selected Works” del fotografo Francesco Nonino a “Symposium”, allestita con preziosi oggetti utilizzati dagli antichi nei loro banchetti, rubati da trafficanti d’arte e poi recuperati dalla Guardia di Finanza italiana. In cartellone numerose altre attività legate al Made in Italy, alla gastronomia e alla cultura italiana, la proiezione di video e immagini dalla missione “Sulle Tracce dei Ghiacciai: Missione in Alaska” del fotografo Fabiano Ventura, oltre a laboratori ed attività ludiche per bambini in collaborazione con diverse associazioni basate a Washington. Le organizzazioni Daybreak Children Rare Disease Fund e Fondazione Telethon presenteranno le proprie iniziative di ricerca sulle malattie genetiche rare.
L’organizzazione dell’evento è stata resa possibile grazie al sostegno di numerose imprese ed associazioni italiane: Alcantara, B3, Beretta, Bracco, Caligaris, ENEL, Expert System, FCA, Ferrero, International Gaming Technology (IGT), Lamborghini, Pirelli, Venistyle e, tra le associazioni, AATI American Association of Teachers of Italian Chapter DC, Casa Italiana, Daybreak Children Rare Disease Fund e Fondazione Telethon, Italians in DC, Italian Cultural Society, Le Dive, Macromicro, SMATCH (Scientific Methodology Applied to Cultural Heritage), l’iniziativa Connect4Climate e la School of Languages, Department of French and Italian dell’University of Maryland.
Tutto il programma delle attività del 9 maggio è a questo link. (aise)