Gtech fornirà altre 850 videolotterie alla lotteria dell’Oregon

Gtech Canada, controllata del gruppo Gtech, ha firmato un’integrazione contrattuale con la lotteria dell’Oregon per la fornitura di 850 videolotterie Oxygen di Spielo, che andranno ad aggiungersi ai 1.500 apparecchi già previsti nel contratto annunciato a ottobre dello scorso anno. Oregon Lottery ha inoltre previsto di mantenere le 2.500 videolotterie prodiGi Vu, fornite sempre da Spielo nel 2009.I 2.350 terminali Oxygen consentiranno a Gtech di incrementare del 95% circa la quota di mercato delle videolotterie in Oregon, raggiungendo il numero di 4.850 videolotterie complessive consegnate alla Oregon Lottery. “La firma di questa integrazione contrattuale testimonia la soddisfazione della Oregon Lottery per le performance registrate dalle gaming machine di Gtech all’interno di uno dei mercati VLT più innovativi e di maggiore successo del nord America”, ha dichiarato Jaymin B. Patel, responsabile di Gtech Americas. Si prevede che tutti i terminali Oxygen verranno consegnati nel corso di quest’anno.

Nonostante la buona notizia il titolo Gtech al momento scende dello 0,65% a 22,78 euro in borsa. Equita, pur avendo un target price più alto della quotazione attuale a 23 euro, mantiene un rating hold in quanto a livello di utile si aspetta un trend di crescita molto moderato (tasso di crescita medio annuo dell’eps 2013-2016 del +2%), per effetto di ammortamenti in crescita (22 milioni quelli stimati per quest’anno) e di oneri finanziari quasi stabili, nonostante condizioni di finanziamento molto favorevoli, perché il debito non presenta scadenze significative nel 2014-2015.

“Tra le opportunità per accelerare la crescita dell’utile, vediamo il rifinanziamento dell’ibrido in anticipo rispetto alla prima data di richiamo alla pari, ovvero marzo 2016”, aggiungono gli analisti di Equita, i quali in ogni caso ritengono che il gruppo sia in grado di centrare gli obiettivi 2013: si attendono un ebitda rettificato a 1.061 milioni rispetto alla guidance di 1.050-1.070 che beneficiava tra l’altro di un’ipotesi di cambio euro/dollaro più favorevole. Per quest’anno l’ebitda di Gtech dovrebbe crescere, ma poco, a 1.079 milioni grazie allo sviluppo delle opportunità sulle gaming machines sui mercati internazionali, alla crescita delle lotterie internazionali e alla tenuta del mercato italiano.